Pietro Taricone non ce l'ha fatta caduto col paracadute è morto a Terni
PDF Stampa
Martedì 29 Giugno 2010

È stato il primo grande protagonista del filone dei reality. Ha saputo “bucare” lo schermo garantendo – quale effetto collaterale – il successo in Italia di un filone che, piaccia o non piaccia, è diventato un autentico fenomeno. Poi Pietro Taricone è riuscito a superare anche questa fase ed è diventato attore. È sopravvissuto all’improvvisa notorietà del signor nessuno proiettato nelle case degli italiani fino a diventare una vera icona, ha saputo con intelligenza ritagliarsi un ruolo “diverso”.
Ma tutto questo non ha più importanza, ormai. Nella notte, all’Ospedale di Terni, dopo un intervento chirurgico durato oltre nove ore Piero Taricone è deceduto. Non ha più ripreso conoscenza dopo la caduta con il paracadute sull’aviosuperficie di Maratta, nei pressi di Terni.
Taricone, 35 anni, era un paracadutista esperto, con alle spalle un centinaio di lanci. La dinamica dell’incidente non è ancora chiara: a una cinquantina di metri dal suolo, forse per un errore causato da un'improvvisa raffica di vento, le corde del paracadute si sono 'arrotolate' su loro stesse impedendo all’attore di diminuire la velocità nella fase di atterraggio. L’impatto è stato violentissimo, tra l’altro davanti agli occhi della compagna e collega Kasia Smutniak e della figlia di 6 anni Sophie.
Le sue condizioni sono apparse subito critiche: soccorso immediatamente, aveva subito un arresto cardiocircolatorio e gli erano state riscontrate numerose fratture. Era stato portato d`urgenza all`ospedale di Terni, dove i medici avevano constatato una grave emorragia interna a livello addominale e avevano intrapreso un'operazione, durata più di nove ore. L'attore aveva anche traumi alla testa e all'addome. Dopo l'intervento l'attesa, a fianco della compagna, l'attrice Kasia Smutniak che gli è rimasta accanto fino alla fine; la morte è sopraggiunta per complicazioni senza che Taricone abbia mai ripreso conoscenza.