Maturità : esce Primo Levi A casa Pascoli e Noemi
PDF Stampa
Martedì 22 Giugno 2010

Primo Levi alla maturità: una figura centrale non solo della letteratura italiana, ma anche della storia italiana, ma che spesso in classe si arriva appena a sfiorare e, talvolta, nemmeno. Foibe per il tema storico, il ruolo dei giovani nella politica, “piacere e piaceri” da Botticelli a D’Annunzio per l’artistico-letterario. Queste le altre tracce della prima prova dell’esame. Tra gli argomenti proposti “sbarcano” anche gli Ufo: “Siamo soli?” l’affascinante – si fa per dire - titolo del tema tecnologico. Quello di attualità è dedicato invece al ruolo della musica, con tanto di citazioni di Aristotele, mentre per l’ambito socio-economico i candidati sono invitati a esprimersi sulla “Ricerca della felicità”. Come negli anni passati si può scegliere tra l’analisi di un testo letterario, la produzione di un saggio breve o di un articolo di giornale (questi due scelti tra i diversi ambiti di riferimento: storico-politico, socio-economico, artistico-letterario, tecnico-scientifico) e un tema di argomento storico o di attualità. Vietatissimi, in teoria, cellulari, videotelefonini, palmari, pc portatili e qualsiasi dispositivo di trasmissione dati: chi si fa beccare in flagranza dovrà dire addio al diploma. Ma intanto, basta andare sui forum degli studenti per accorgersi che in tanti hanno con sé il telefonino. Alle 8.32, due minuti dopo l’apertura delle buste, sul sito studenti.it, un messaggio confermava le prime indiscrezioni su Primo Levi. Indiscrezioni che parlavano di Levi già alle 8.22 quando qualcuno ha scritto: “Esce Primo Levi”. Alle 8.54 erano pubblicate anche tutte le altre tracce. Esilarante scambio di battute intorno alle 8.40, quando qualcuno ha cominciato a parlare di una traccia sulla cantante Noemi: “primo levi e noemi x ora?”.“Sì, noemi sii”. Unico dubbio: Noemi la cantante o Noemi la “figlia” del papi? Nei minuti successivi si ricorrono le voci. Qualcuno tira fuori pure il Muro di Berlino, il corpo femminile venduto per scambio politico, Calvino e il caso Marrazzo. Tracce fantasiose, o terrorismo psicologico. Oppure un attimo di leggerezza prima di immergersi nella prova.