Pensionamento vicino per i pc fissi La (nuova) rivoluzione di Steve Jobs
PDF Stampa
Martedì 08 Giugno 2010

Mossa azzardata o (l’ennesimo) colpo di genio? Gli esperti si interrogano attorno al nuovo iPhone4, e soprattutto attorno al nuovo sistema operativo iOS4 destinato alle strutture mobili della Apple. Steve Jobs l’ha presentato ieri: un nuovo design, una elegante sezione in acciaio satinato, un superschermo ad alta definizione e una supertelecamera da 5 milioni di pixel, l’iPhone4 permette ora il multitasking e anche di 'chattare' con audio e video, grazie al nuovo programma Time Face.
Vestito con il tradizionale girocollo nero sui jeans slavati, entusiasta delle novità legate al nuovo iPhone, tra una presentazione e l'altra quasi come un bambino Jobs ha inserito ogni volta aggettivi come ''cool'', ''amazing'' e ''nice'' ad ogni novità: dalla batteria che grazie al processore A4 (lo stesso dell'iPad) durerà il 40% più a lungo, al programma di montaggio iMovie per l'iPhone che permette di montare i filmati ad alta definizione 720p del nuovo iPhone. E non solo. Ora il telefonino della Apple diventa anche un mini iPad, il tablet di cui la casa di Cupertino ha venduto due milioni di esemplari in meno di due mesi. Grazie al nuovo schermo di 320 pixel per pollice, più di quanto possa percepire l'occhio umano, la lettura di libri e quotidiani è piu agevole, e offre l'accesso ad iBook, la libreria virtale della Apple, che in poche settimane ha conquistato oltre il 20% del mercato Usa, partendo praticamente da zero.
Jobs è apparso decisamente entusiasta alla fine del suo 'keynote' di due ore, il tradizionale discorso che apre la cinque giorni dedicata agli sviluppatori, la Wwdc, quando ha presentato Time Face. Due iPhone4 saranno in grado di comunicare tra di loro, con video e suono, grazie alla nuova telecamera frontale ed il nuovo microfono che cancella l'audio ambiente, senza dover scaricare nessun programma particolare. Occorre semplicemente un collegamento wifi. Tra le altre novità - incentrate praticamente tutte sull'iPhone di quarta generazione - Jobs ha in particolare insistito sul nuovo sistema operativo iOS4, comune ad iPhone, iPod Touch ed iPad, e che permetterà il multitasking. Sarà disponibile gratuitamente per chi possiede un iPhone dal 21 giugno e si potranno per esempio controllare le email (con un programma migliorato) senza smettere di ascoltare la musica.
Il numero uno della casa di Cupertino ha poi annunciato per il primo luglio il lancio del programma iAd, cioè la pubblicità mobile, un settore in cui la Apple intende fare concorrenza all'altro colosso della Silicon Valley sempre più presente nella telefonia mobile, Google. Numerose grandi aziende hanno già risposto positivamente, tra cui Disney, Chanel, Nissan, diverse assicurazioni e grosse società Usa della grande distribuzione. Agli sviluppatori la Apple verserà il 60% dei proventi. Tra gli esempi presentati da Jobs sul palcoscenico del West Moscone Center, c'era un concorso della Nissan per vincere un'auto, scegliendo il colore agitando l'iPhone. Il nuovo iPhone di quarta generazione verrà venduto allo stesso prezzo di quello di terza negli Usa con un contratto di due anni con la At&t: 199 dollari per il 16GB, 299 per il 32GB e sarà disponibile, sia in nero sia in bianco. Sarà in vendita a partire dal 24 giugno in otto paesi, ma in Italia non arriverà prima di luglio, ha precisato Jobs. Che guarda il futuro con grande fiducia: entro giugno la Apple avrà venduto 100 milioni di esemplari di dispositivi mobili, tra iPhone, iPod Touch e iPad.


E ORA LE RIFLESSIONI DI RITO SU QUESTA NUOVA RIVOLUZIONE APPLE
Con il nuovo iPhone4 e soprattutto con il nuovo sistema operativo iOS4 destinato alle strutture mobili della Apple, il numero uno della Casa di Cupertino, Steve Jobs, punta ad un futuro senza pc fisso o quasi, ormai percepito come un dinosauro in via di estinzione, privilegiando i nuovi dispositivi mobili, come gli smartphone e i tablet, dall'iPhone all'iPod Touch, passando per l'iPad.
Con l'iPad, Jobs ha innanzi tutto risolto due dei problemi più fastidiosi dei pc: l'accensione particolarmente lenta, anche svariati minuti, e la durata della batteria, che nei laptop tradizionali raramente supera le due ore effettive. Ora la missione è costruire il computerino del futuro. Che la Apple desiderasse concentrarsi sui dispositivi portatili, lo stesso Jobs lo aveva detto con chiarezza la scorsa settimana alla conferenza D organizzata nei pressi di Los Angeles dal Wall Street Journal, suscitando le perplessità del numero uno della Micrososft, Steve Ballmer. Ora l'uomo di Cupertino è passato ai fatti, ed il nuovo nemico non è più il colosso di Redmond, ma quello di Mountain View, Google, il suo sempre più aspro concorrente sul fronte dei dispositivi mobili con il suo sistema operativo Android, a cui viene attribuita una fetta significativa del mercato futuro. Ha fatto infine scalpore, alla fine del mese scorso, la notizia secondo cui la Apple vale ormai più della Microsoft, almeno in base ai valori di Borsa. Lo stesso Jobs aveva definito ''ridicola'' qualsiasi interpretazione, ma c'è chi sostiene che il mercato ha ancora una volta semplicemente anticipato i fatti.